EXTREME MAKEOVER: SUPERHERO EDITION

Molti protagonisti dei comics hanno una lunga storia cinematografica, alcuni di loro nel tempo hanno cambiato aspetto drasticamente: vediamo quali!

L’invasione di film a tema supereroistico, negli ultimi anni, ci ha regalato una grande quantità di nuovi personaggi, mai visti su schermo, presi dalle storie dei fumetti di ogni epoca.

Molti protagonisti dei comics hanno una lunga storia cinematografica.
Alcuni di loro hanno avuto molteplici reincarnazioni!
Ultimissimo esempio, in ordine di tempo, è quello riguardante Hellboy, che sta per avere un reboot cinematografico e l’immagine del nuovo Rosso è stata rilasciata da pochi giorni su internet.

 

HELLBOY

Perlman e Harbour

Ecco la vecchia versione con Ron Perlman, nel film del 2004 di Benicio Del Toro, ed il nuovo ragazzone dell’Inferno che cela, sotto chili e chili di rosso, David Harbour.

 

Ma vediamo altri casi di trasformazione/evoluzione/involuzione dei supereroi in tv o al cinema.

 

BATMAN

West e Affleck

L’uomo pipistrello, negli ultimi anni, ha il volto (sotto il cappuccio) di Ben Affleck.
Come non ricordare con affetto la versione degli anni ’60, interpretata da Adam West ?

Pochi, invece, conoscono la serie di cortometraggi degli anni ’40 con Lewis Wilson ed il sentimento anti-giapponese che animava il Crociato Incappucciato (gli USA erano in guerra col Paese del Sol Levante).

Wilson

Molti ricordano, invece, il primo, vero, Batman cinematografico: quello di Tim Burton del 1989, con Michael Keaton ad impersonare Bruce Wayne (torneremo a parlare di Tim Burton nel capitolo dedicato a Superman: che cosa? Sì).

Keaton

E poi c’è il Batman supertecnologico di Christopher Nolan, il Cavaliere Oscuro interpretato da Christian Bale, protagonista di una trilogia appena precedente l’ultimissima versione (tralasciamo, per decenza, i vari Kilmer e Clooney e le armature coi capezzoli…).

Bale

E riguardo l’evoluzione della Batmobile sapete già tutto?
Se avete dubbi, leggete qui.

JOKER

Romero e Ledger

Sempre in tema Gotham City, il nemico per antonomasia di Batman, Joker, ha avuto tante facce quante quelle del Pipistrello, naturalmente.
Negli anni ’60 (serie tv e film) Joker era Cesar Romero.
Oggi è Jared Leto (ancora per poco, pare).

Leto


Ma ne Il Cavaliere Oscuro di Nolan, abbiamo potuto ammirare il Joker migliore di sempre, con il sorriso distorto di Heath Ledger.

Migliore perfino di Jack Nicholson nel film di Burton!

Nicholson

CATWOMAN

Newmar e Berry

Julie Newmar.

L’unica vera Donna Gatto.
Ah sì, poi ci sono state Halle Berry nel film omonimo del 2004, Michelle Pfeiffer in Batman – il ritorno di Burton (quella, forse, col costume più bello ed adeguato) e Anne Hathaway ne Il Cavaliere Oscuro.

Pfeiffer e Hathaway

SUPERMAN

Reeve e Cavill

Altro personaggio che ha avuto innumerevoli incarnazioni su grande e piccolo schermo.

Oggi Kal-El è Henry Cavill.
Il Superman più famoso (e più amato) è quello di Christopher Reeve, degli anni ’80 (il primo film, per la verità, è del 1978).
Ma la storia dell’ultimo figlio di Krypton è cominciata coi cartoni animati del 1941 per passare al lungometraggio live-action nel 1948, con Kirk Alyn.

Alyn

Con l’emblema della casata kryptoniana un po’ sbilenco, le mutandone ascellari ed un fisico che di scolpito aveva solo il ricordo delle mozzarelle del giorno prima.
Però, già c’è il classico super-ricciolino!

In tv, Superman è stato protagonista di Lois & Clark, più incentrata sul lato umano dell’eroe, con Dean Cain / Clark Kent, negli anni ’90.

Cain

Ed anche della fortunata serie Smallville. Protagonista Tom Welling. Costume standard. Solo la fibbia ha una forma che ricorda l’emblema degli El.

Welling

Ormai nel dimenticatoio Superman Returns, film di Bryan Singer, del 2006 con Brendon Routh.

Routh

Dunque, cosa c’entra Tim Burton con Superman?
Per un pelo non c’entra niente.
Sì, perchè Tim stava progettando un film, dal titolo Superman lives, che non si è mai concretizzato.
Chi avrebbe dovuto vestire i panni di Kal-El / Clark Kent / Superman?

Nicolas Cage.
Notare la faccia convinta del regista, durante la prova costume.

Ci è andata bene.

GHOST RIDER

Cage e Luna

Ci è andata bene, perchè il Ghost Rider di Cage è molto più espressivo in versione teschio fiammeggiante di quanto non lo sia l’attore, quando recita in carne.
Ghost Rider è stato recentemente re-introdotto nell’Universo Cinematografico Marvel, in Agents of S.H.I.E.L.D., con Gabriel Luna che presta il cranio in fiamme a Robbie Reyes. Bad to the bone!

SUPERGIRL

Slater e Benoist

Anche la cugina di Kal-El è stata protagonista di un film, del 1984, con Helen Slater.
In questi anni, invece, Kara Zor-El ha una serie tv tutta sua, con Melissa Benoist.
Con il costume che ha subìto il classico restyling degli anni 2000: i colori desaturati sostituiscono la brillantezza degli 80’s.

 

WONDER WOMAN

Carter e Gadot

Esattamente come accaduto per il costume di Wonder Woman.
Che oggi, però, si rifà all’abbigliamento di una guerriera, più che di una circense.
Lynda Carter ha portato il personaggio della Regina delle Amazzoni (le cui peculiari origini potete scoprire qui) sul piccolo schermo, Gal Gadot, più di recente, al cinema.

 

HULK

Ferrigno e Ruffalo

Un altro personaggio dei comics che è passato dalla tv al cinema è l’incredibile Hulk.
Protagonista di una serie negli anni ‘70, senza ausilio di computer graphic.
L’unico effetto speciale erano i pesi sollevati in palestra da Lou Ferrigno, per costruirsi quei muscoli. Veri. E quelle sopracciglia di ciniglia (false).
L’alter ego di Hulk, Bruce Banner, era Bill Bixby, sfortunato attore morto a soli 59 anni.
Oggi Hulk è Mark Ruffalo. Sia  versione Bruce Banner che Gigante di Giada. La CGI, infatti, ricalca le sembianze dell’attore per rendere più credibile la trasformazione.
Processo già iniziato nel 2003 con l’Hulk di Ang Lee, con Eric Bana.
Che, però, somigliava più a Shrek.

Bana

Con tanto di espressioni ed occhioni tipo Gatto con gli stivali.
Dopo di lui e prima di Ruffalo c’è stato anche Edward Norton, nel più che discreto L’incredibile Hulk (2008).

Norton

 

THOR

Kramer e Hemsworth

L’Hulk di Bixby / Ferrigno è andato anche al cinema.
Nel 1988, il film La rivincita dell’incredibile Hulk, regalava al pubblico un altro eroe Marvel, il mitico Thor, co-protagonista della pellicola.
Beh, una versione primordiale del Dio del Tuono (Eric Kramer), che somigliava più ad un allevatore di pecore con la passione per il power metal che all’algido Asgardiano che ci ha proposto Kenneth Branagh nella trasposizione cinematografica più recente, a partire dal 2011.

 

SPIDER-MAN

Hammond e Holland

L’eroe più conosciuto e famoso della Casa delle Idee, l’Uomo Ragno, ha avuto una storia piuttosto lunga e travagliata davanti alla cinepresa.

Il primo film dedicato al Tessiragnatele è del 1977, con Nicholas Hammond.
Film che, nella realtà, era l’episodio pilota di una serie tv, poi riadattato e distribuito come lungometraggio.
Ed era comico! Non volutamente, purtroppo.
Le scene con l’Arrampicamuri che si arrampica sulle pareti, muovendo gambe e braccia ad una velocità non sincronizzata con quella di salita, sono frequenti e disturbanti quasi quanto l’orrida ragnatela che gli consentiva di fare balzi addirittura di 7 o 8 metri (con lo stunt-man impaurito, che tergiversa prima di lanciarsi).
Dal 1977 al 2017 il passo è lungo e l’ultimo Spider-Man cinematografico, impersonato da Tom Holland sembra proprio un altro personaggio!

Ma abbiamo anche avuto 2 esempi più recenti di Teste di Ragnatela con la trilogia di Sam Raimi ed i due film di Marc Webb. Tutti, per vari motivi, un po’ distanti dall’essenza fumettistica di Spidey.

Maguire

Con costumi poco espressivi e troppe ragnatele in rilievo, tra le altre cose.
Effetto cinturato Pirelli.

Garfield


DAREDEVIL

Affleck e Cox

Netflix sta proponendo molte serie incentrate sui supereroi più di “seconda fascia” di casa Marvel. E Daredevil, con Charlie Cox, è la migliore tra queste.
Il paragone con il predecessore dell’Uomo senza paura, portato al cinema da Ben Affleck, è imbarazzante (per quest’ultimo).
Anche se il costume era la replica vivente di quello dei fumetti.

KINGPIN

Duncan e D’Onofrio

La prova attoriale di Vincent D’Onofrio, il Kingpin visto nel Daredevil di Netflix, è strepitosa.
Certo, non è fisicamente imponente come il Kingpin dei fumetti, ne come Michael Clarke Duncan del film del 2003.
Che aveva anche la peculiarità di essere un Kingpin di colore.

NICK FURY

Hasselhoff e Jackson

Altro personaggio che ha avuto un cambio di pelle è stato Nick Fury, che nelle avventure degli Avengers cinematografici è impersonato da Samuel L. Jackson.
Molto tempo prima, era David Hasselhoff, in un film tv del 1998.
Gli mancava sempre un occhio, ma aveva i capelli.

THE PUNISHER

 

 

Lundgren e Bernthal

Anche il Punitore, introdotto sempre in Daredevil, avrà presto una serie tutta sua.
Il Frank Castle ultima maniera sembra molto più tattico, a livello di outfit, rispetto a Dolph Lundgren.
Che non aveva nemmeno il teschione sulla maglietta.
Dai! Le basi, almeno!

DOCTOR STRANGE

Hooten e Cumberbatch

Rilanciato alla grande con l’omonimo film del 2016 ed impersonato dall’ottimo Benedict Cumberbatch, Doctor Strange aveva già tentato la via del live-action nel 1978.
Ma l’episodio pilota della serie tv dedicata allo Stregone Supremo non piacque ed il progetto non vide la luce.

I FANTASTICI QUATTRO

Hyde-White, Staab, Smith, underwood e Mara, Teller, B.Jordan, Bell

Supergruppo di supereroi che ha avuto, da sempre, un rapporto di amore-odio con lo schermo.
The Fantastic Four di Oley Sassone arrivò fino alla fase di post-produzione, con tanto di musiche per il film già registrate.
Ma la pellicola non venne distribuita.
Forse perchè La Cosa somigliava a Lizard con l’itterizia?
In realtà il film venne prodotto solo per mantenere i diritti di sfruttamento dei personaggi da parte della Neue Constantin.
Nel 2015 è uscito Fantastic Four di Trank. Che avrebbe fatto meglio a fare la fine del suo predecessore.
Nel mezzo, nel 2005 e 2007 i due film di Tim Story.
Quelli con La Cosa composta di un misterioso materiale arancione ed, all’apparenza, gommoso.

Evans, Chiklis, Alba, Gruffudd

Quelli con Chris Evans.
Chris Evans?

CAPTAIN AMERICA

Brown e Evans

Si parla di Chris Evans e si passa al suo ruolo definitivo, quello di Captain America.
Casting perfetto: è proprio lui, con la sua faccia da bravo ragazzone americano ed il fisico bombato del supersoldato.
Non certo come quello di Reb Brown nel tv-movie del 1979!
Con la moto, il casco, la tutina: brividi veri.
Ma Cap è sullo schermo già dagli anni ’40, il suo ‘vero’ periodo storico, con un serial di 15 episodi in cui trovava gente morta negli sgabuzzini.
Cucù!

 

 

Purcell

Poi ci fu il film del 1990.
Passato alla storia, più che altro, per questo meme:

Salinger

 

TESCHIO ROSSO

Pauling e Weaving

Sempre nel film del 1990 fa la sua comparso il Teschio Rosso.
Cioè, un tizio con una testa testicolare. Rossa, certo.
Niente di paragonabile al fantastico Hugo Weaving di Captain America – Il Primo Vendicatore.

AQUAMAN

Hartley e Momoa

Il film sulla Justice League è in arrivo (ma i pupazzetti a tema sono già qui) e le riprese per il film di Aquaman sono in corso.
Jason Momoa ha ottenuto un look che, finalmente, rende giustizia a Orin.
Certo è molto lontano dalla sua origine fumettistica, ma non sembra nemmeno un ragazzino che va a fare il bagno al mare, come Justin Hartley nell’episodio pilota di uno spin-off di Smallville dedicato al Re dei 7 Mari, che fu bloccato prima dell’uscita.

Anche se la versione di Aquaman che preferiamo, di gran lunga, è quella di Rajesh in The Big Bang Theory!

Koothrappali

 

Articoli correlati:
casting cinecomics

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *