Superman: 20 curiosità sull’Uomo d’acciaio!

Superman fa il suo esordio sulle pagine dei fumetti nel maggio del 1938.
Sono passati 80 anni e l’ultimo figlio di Krypton è ancora decisamente in forma!

Un momento: hai detto “ultimo figlio di Krypton”, riferendoti all’Uomo d’Acciaio?
Non c’è forse qualcosa da puntualizzare, al riguardo?
Già che ci siamo: il termine “Uomo d’Acciaio” a quando risale?
Ok, Ok!
Preparati ad un viaggio lungo 80 anni alla scoperta delle curiosità sul primo grande supereroe della Storia del Fumetto!

Sparato con un razzo sulla Terra, da bambino, proveniente dal pianeta morente Krypton, Kal-El fu adottato dall’amorevole famiglia Kent, da loro ribattezzato Clark Joseph e cresciuto nel cuore dell’America.
Usando i suoi immensi poteri ad energia solare, divenne Superman per difendere l’umanità contro ogni sorta di minaccia, difendendo la verità, la giustizia e l’American Way of Life.

 

  1. Superman fa il suo esordio sulla rivista Action Comics #1, con data di copertina giugno 1938.
    Si ipotizza che l’albo di 64 pagine fosse disponibile nelle edicole il 3 maggio (al costo di $0.10 cent), mentre la data di registrazione all’Ufficio Copyright risale al 18 aprile (molti siti hanno riportato questa come data del compleanno di Superman, ma tu hai scelto NerdBurger e non ti accontenti di date messe a caso, vero??).
    Dopo un anno l’Uomo d’Acciaio (il soprannome  è il più vecchio attribuito a Superman e risale ad Action Comics #7 del dicembre 1938) si merita una testata tutta sua (Superman, appunto)  che ha chiuso solo nel 2011, dopo 714 numeri.
    A partire dal 2011, la nuova testata omonima è ripartita dal #1.
    Curiosità bonus 1: l’auto sulla copertina di Action Comics #1 è una DeSoto del 1937.
    Curiosità bonus 2: all’iconica scena della copertina dell’albo è dedicata una sequenza nel film Superman returns, del 2006.

    vacci piano, anche se è una low-priced car!

     

  2. In Italia, Superman fa il suo esordio il 2 luglio 1939 ne Gli Albi dell’audacia.
    Già, il periodo storico era proprio quello ed il nuovo eroe, dal nome un po’ troppo anglofono, fu ribattezzato Ciclone.
    Per aggirare i veti fascisti, le storie venivano attribuite ad autori italiani.
    Avrai sicuramente sentito parlare di Nembo Kid: questo è il nome con cui Superman divenne noto in Italia negli anni’50 e ’60.
    Perchè Nembo Kid? Per non pagare i diritti d’autore…

    alla faccia del pelatone.

  3. Nel 1932, Jerry Siegel e Joe Shuster, i creatori del personaggio di Superman, lo avevano immaginato come un cattivo che si ribella allo scienziato pazzo che lo usa per i suoi esperimenti, trasformandolo in Super-man.
    Col trattino.
    Tolto il trattino, cambiato il personaggio.

    in origine, Superman pareva Lex Luthor

  4. Una delle principali fonti di ispirazione per il personaggio di Superman fu Doc Savage.
    Questi era un personaggio dei pulp magazine americani, nato nel 1933, soprannominato l’Uomo di Bronzo.
    Chirurgo, scienziato, avventuriero, esploratore, ricercatore e musicista,  aveva una base segreta in Alaska dove si ritirava saltuariamente.
    Il nome della base era ‘Fortezza della Solitudine’: dice niente?

    c’è troppo affollamento perfino qui

     

  5. Il significato del logo di Superman (che pare essere uno dei più riconosciuti al mondo) è stato cambiato molte volte dalla nascita del personaggio in poi.
    Non si tratta di una ‘S’ (più specificatamente della ‘S’ di Superman), ma è un simbolo Kryptoniano, il simbolo della Casa di El e significa ‘speranza’ (come apprendiamo nel film Man of Steel, del 2013).
    Il fatto che in italiano ‘speranza’ cominci per ‘S’ è del tutto casuale.
    Già nel 1945 Superboy affermava che la ‘S’ sta per “Saving lives, Stopping crime, and giving Super-aid wherever it’s needed!” (salvare vite, fermare il crimine e dare super-aiuto ovunque sia necessario).

    S come Superman? No!

  6. Superman, inizialmente, saltava. Non volava.
    Ok, saltava molto in alto, circa 200m, cioè l’altezza di un grattacielo che, nei fumetti, si diceva lui superasse in un unico balzo.
    (Nel libro La fisica dei supereroi si calcola che la gravità di Krypton dovesse essere circa 15 volte quella terrestre per permettergli simili balzi).
    Ma nei primi anni ’40, la Fleischer, che produceva i primi cartoni animati dedicati all’Uomo d’Acciaio, si rese conto che i balzi animati erano ridicoli e chiese alla DC Comics di permettere a Superman di volare.
    E così fu!

    è un aereo, è un uccello…no, è una cavalletta!

  7. Si diceva dell’ultimo figlio di Krypton.
    Ebbene Kal-El (questo il nome originale di Superman) non è per nulla l’unico sopravvissuto alla distruzione suo pianeta natale.
    Con lui si sono salvati anche Kara Zor-El (cugina= Supergirl), Krypto (cane di Kal-El), Beppo (scimmia intrufolatasi sul razzo che salverà il futuro Superman), Zod (supercriminale), Kandoriani (abitanti della città Kryptoniana di Kandor, miniaturizzata e rubata da Braniac, che le evitò, così, l’infausto destino del resto del Pianeta).

    Krypto e la cuccia della solitudine

  8. Superman è dotato di moltissimi superpoteri.
    Nel 1958, però, si è forse esagerato nell’attribuirgliene.
    In alcune storie scritte in quell’anno, Supes lanciava dalle sue mani dei piccoli Supermanini contro avversari o oggetti da distruggere.
    In realtà si trattava della materializzazione della sua forza, non di veri mini-me kamikaze.
    Comunque l’effetto non era un granchè.

    mini-kamikaze-me

  9. I poteri di Superman derivano dalla sua capacità di immagazzinare ed elaborare la radiazione solare gialla.
    Egli non ha quindi bisogno di nutrirsi di cibo umano.
    Sebbene in qualche occasione non abbia mancato di farci notare come anche il suo stomaco sia d’acciaio!

    Superman vs. food

  10. Sai per quale motivo Lex Luthor è diventato arci-nemico di Supes?
    Un tempo erano amiconi.
    Poi, un giorno, la Meraviglia di Metropolis ha spento un incendio nel laboratorio di Luthor con il suo supersoffio.
    Ma col vento sono volati via anche i capelli di Lex, che da quel giorno, con la riga molto larga, se l’è legata al dito.

    che alitosi!

  11. A proposito di Krypton: Siegel e Shuster chiamarono così il Pianeta perchè affascinati dal nome dell’elemento chimico con numero atomico 36: il Cripto (o Kripton).
    Dal 1960 al 1983 la definizione standard del metro, nel Sistema Internazionale delle unità di misura, è stata la luce emessa dagli atomi di Kripton: nello specifico, il metro è stato definito come 1.650.763,73 volte la lunghezza d’onda emessa dalla radiazione elettromagnetica dell’isotopo 86 del Cripto.

    raggi kryptoniani (veri)

  12. Come ogni personaggio dei fumetti che si rispetti, Superman ha subìto un tentativo di clonazione che ha generato Bizarro.
    Questi è una sorta di clone imperfetto dell’Uomo d’Acciaio e possiede, a seconda delle storie, gli stessi poteri di Superman o quelli contrari.
    Ad esempio, la sua vista a raggi X funziona solo attraverso il piombo.

    Bizarro è davvero bizzarro

  13. È risaputo, anche tra i non lettori di fumetti, che la proverbiale kryptonite sia il mezzo migliore per arrecare danno a Superman.
    Ma non è l’unico modo.
    Il figlio di Krypton è vulnerabile anche alla magia ed al sovrannaturale: i maghi e le creature come i vampiri possono fargli molto, molto male.
    Dracula in persona e Crucifier hanno dato filo da torcere a Superman: il secondo è riuscito anche a berne il sangue, trovandolo disgustosamente alieno!

    l’alieno fa buon sangue

  14. Nei fumetti originali c’erano cinque diverse varietà di kryptonite: verde, rosso, oro, blu e bianca.
    La verde è l’unica varietà potenzialmente letale per Superman. Lo indebolisce e potrebbe ucciderlo se oggetto di una esposizione prolungata.
    La kryptonite rossa ha effetti negativi, ma solo temporanei e non fatali. Può causare trasformazione fisica o mutamento mentale.
    La kryptonite oro rimuove permanentemente i super poteri.
    Invece, la kryptonite blu ha lo stesso effetto sulle creature di Bizarro della kryptonite verde su Superman.
    La kryptonite bianca è dannosa per la flora.
    Esiste poi la kryptonite nera, vista per la prima volta nella serie Smallville: permette a Clark di scindersi ed uccidere Kal-El.

    ci penso io! ah no…

  15. Nel 1978, a 40 anni dalla nascita, Superman sbarca al cinema, con il film omonimo diretto da Richard Donner.
    Per ottenere una muscolatura convincente, il protagonista Christopher Reeve si sottopose ad intense sedute di bodybuilding dirette da David Prowse, il culturista gallese che interpreterà Darth Vader, in Star Wars.

    in copertina: Superman, Vader, Hulk e Terminator. Ah.

  16. Nel film Superman II, Clark Kent utilizza un altro superpotere alquanto bizzarro, cancellando la memoria recente di Lois Lane con un bacio.
    Superpotere utilizzato molte decadi prima, quando Lois passava gran parte del suo tempo rischiando di rivelare la vera identità di Superman.
    E giù baci.
    Una tattica della brava giornalista del Daily Bugle (che ha sposato Clark Kent nel 1996) per ottenere supercoccole?

    ti ho detto che ti avrei regalato un diamante? sì sì, vieni qui e baciami!

  17. L’Uomo d’Acciaio ha fatto il suo esordio cinematografico nel 1951, nel film Superman and the Mole-Men (Superman e gli Uomini Talpa), con il ruolo del protagonista interpretato da George Reeves.
    Dal 1952 Reeves interpreterà Supes anche per una serie di film per la tv, intitolata Adventures of Superman, che ebbe un buon successo, protraendosi per 6 stagioni.
    La chiusura della serie portò al suicidio di Reeves.
    O almeno questa è la versione ufficiale della sua morte, alla quale è dedicato il film Hollywoodland, con Ben Affleck.

    Reeves ed il successo negli anni ’50

  18. A proposito di Clark Kent: possibile che, in 80 anni, nessuno abbia notato la leggerissima somiglianza tra il reporter e Superman?
    Va bene che il primo porta gli occhiali, ma insomma..
    E poi nessuno li hai mai visti contemporaneamente: i sospetti sarebbero più che leciti!
    Ebbene, in un albo dei fumetti, si è posto rimedio: Martian Manhunter, un mutaforma amico di Superman, assume le sembianze di Clark Kent, cosicchè la gente possa vedere il giornalista e Superman insieme, fugando ogni dubbio (?).

    pure il ciuffo è uguale

  19. Nella sua ottuagenaria carriera, Superman ha dovuto affrontare diversi nemici.
    Uno dei più duri da sconfiggere è stato…Muhammed Alì!
    In una storia del 1978, i due si offrono volontari, come campioni della Terra, per affrontare il campione degli alieni Scrubb, che minacciano il nostro mondo.
    Alì e Supes si affrontano in questa ‘semifinale’ intergalattica, dove peraltro, prevale l’abilità tecnica del pugile!

    se la mia mente può concepirlo e il mio cuore può crederlo, allora io posso compierlo.

  20. Il problema della “doppia L”.
    La questione è talmente rilevante che Superman stesso se n’è accorto: nel suo mondo, la maggior parte della gente ha nome e cognome che cominciano, entrambi, per L!
    Lois Lane, Lucy Lane (la sorella), Lex Luthor, Lena Luthor (la sorella), Lionel Luthor (il padre), Lillian Luthor (la madre), Lana Lang (primo amore di Clark Kent), Linda Lee (identità segreta di Supergirl), Lara Lor-Van (madre biologica di Kal-El), Letitia Lerner (la babysitter di Superman), Lori Lemaris (una sirena di Atlantide), Luma Lynai (alias di Superwoman).
    Ne Le avventure di Superman # 646, Mr. Mxyztplk suggerisce che quelle iniziali avessero un significato importante nella lingua kryptoniana.

    cantante preferito? LL Cool J

 

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *